lunedì 18 novembre 2019

RECENSIONE: BRENT - S.R. GREY


Titolo: Brent

Serie: Boys of Winter #1

Autrice: S.R Gray

Casa Editrice: Quixote Edizioni

Data di pubblicazione: 15 Novembre 2019

Pagine:

TRAMA:
Brent Oliver, superstar dell’hockey, ha proprio tutto: bellezza, carisma, dozzine di contratti pubblicitari e una carriera spettacolare.
Un attimo. Cancellate l’ultima voce.
Brent ha il talento e le abilità necessarie per ottenere un posto nel firmamento dell’hockey. Ma qualcosa non va. Ha perso il suo tocco magico e non riesce più a ritrovarlo.
Ed ecco a voi Aubrey Shelburne, life coach delle star.
Aubrey ha lavorato con diverse celebrità problematiche, ma non ha mai incontrato nessuno come Brent Oliver.
Oppure sì?
A quanto pare, una notte di bagordi e festeggiamenti, che si conclude con il risveglio di Aubrey nel letto di uno sconosciuto sta per presentarle un conto salato, fregandola alla grande. Sempre che non lo faccia prima Brent.
Nel tentativo di tenere a bada un’attrazione senza precedenti, Aubrey e Brent devono imparare a lavorare insieme. Ma non è un’impresa facile quando tra loro la tensione è sempre altissima e sono continuamente ai ferri corti.
Questa relazione è un disastro preannunciato?
O è scritta nel destino?



Cosa Penso: 

Alzi la mano chi non sa resistere agli sport romance?
Ecco, io faccio proprio parte di quel gruppo bello numerosi di lettrici, che quando legge la dicitura sport romance sulla cover di un romanzo o su una scheda libro non sa proprio resistere. Che i romanzi in questione siano ambientati su campi da calcio, da football o in palazzetti del ghiaccio poco importa, ma datemi uno sport romance e io sarò una ragazza felice. E no, non amo tanto questo tipo di libri perché sono un ossessionata sportiva, ad essere onesta credo che potrei vincere le olimpiadi di pigrizia, ma il mio amore per questo genere è da attribuire più in generale agli sportivi, quegli esseri quasi mitologici dotati di fisici da infarto, con pettorali scolpiti e muscoli su cui sbavare. E la mia ultima lettura, “Brent” primo capitolo della serie Boys of Winter di S.R. Grey è proprio una di quelle dove il protagonista è un campione di hockey su ghiaccio e quindi, quando mi è stata proposta in anteprima, non ho proprio saputo resistere e ora che l’ho terminata posso dire che Brent Oliver, protagonista maschile del romanzo, è dotato di una bella dose di fascino.

L’autrice tramite il pov alternato dei due protagonisti ci narra la storia di Brent Oliver e Aubrey Shelburn.
Campione di Hockey su ghiaccio lui e life coach lei, due protagonisti che per uno strano scherzo del destino si ritrovano obbligati ad una convivenza forzata.
Brent è la punta di diamante dei Las Vegas Wolfves, è il così detto golden boy della squadra con un talento naturale ereditato da suo padre e destinato a fare grandi cose in campo. Nonostante con grande talento e determinazione abbia portato la sua squadra a vincere i play-off, ora sta attraversando un periodo difficile, una sorta di battuta d’arresto che lo spinge su una strada completamente sbagliata fatta di notti brave, festini a base di alcol e donne a volontà che si gettano ai suoi piedi.

venerdì 15 novembre 2019

RECENSIONE: THE BURNING SHADOW - J.L. ARMENTROUT


Titolo: The burning shadow

Serie: Origin#2


Autrice: Jennifer Armentrout


Casa Editrice: Giunti 


Data di pubblicazione: ottobre 2019 


Pagine: 538


TRAMA:
Il secondo capitolo della saga "Origin", spin off della fortunatissima serie Lux, in cui la lotta tra le due razze aliene degli Arum e i Luxen ha modificato definitivamente la vita sulla Terra. Quando Evelyn ha incrociato la strada di Luc, si è trovata all?improvviso nel mondo dei Luxen - scoprendo di farne parte più di quanto sospettasse. Già, perché i Luxen non sono gli unici ad avere un passato nascosto. C?è una lacuna nella memoria di Evie, ci sono alcuni mesi della sua vita che lei non riesce a ricordare e di cui nessuno è disposto a parlarle. Ha bisogno di scoprire la verità su chi è - e chi è stata. La sua ricerca la porta sempre più vicino a Luc: è lui al centro di tutto. E mentre Evie e Luc continuano la loro ricerca per scoprire chi fossero nel passato e chi sono adesso, tutto cambierà, e non solo per loro.



Cosa Penso: 


Da grande fan della Armentrout quale sono ho acquistato questo romanzo il giorno d’uscita. Come tutte le volte quando esce un libro che attendo con impazienza; corro in libreria appena uscita da lavoro e imploro la libraia della Mondadori di aprire il pacco appena consegnato dal corriere e meno male che ormai mi conosce e spesso mi fa trovare già pronto quello che cerco.
Generalmente, poi,  quando torno a casa con una lettura molto attesa, metto tutto in stand bye e la inizio subito, ma non questa volta. Questa volta “The Burning Shadow” – secondo capitolo della serie Origin – è rimasto circa una settimana a prendere la polvere sul comodino, prima che mi decidessi a prenderlo in mano e perdermi tra le sue pagine.
Perché? In realtà, non lo so.
E devo confessare che quando l’ho iniziato ero annoiata e distaccata e non mi andava di leggerlo davvero, l’ho iniziato solo perché non riuscivo a trovare altre letture interessanti, ma questo mio atteggiamento remissivo è durato poco, perché dopo appena una decina di pagine ero totalmente immersa nella lettura.
Conquistata.
Incantata.
Intrappolata tra le pagine dell’ennesimo romanzo sugli alieni firmato Armentrout.

mercoledì 13 novembre 2019

W...W...W...WEDNESDAY #217


Buongiorno lettori adorati,
oggi niente chiacchiere siccome sono fuori orario rispetto al solito, partiamo subito con il  W…W…W… WEDNESDAY, rubrica libresca inventata dal blog should be reading.  
Vi ricordo, come sempre, che potete partecipare tutti rispondendo alle tre domandine che trovate qui sotto, quindi bando alle ciance e partiamo.

·         What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)

·         What did you recently finish reading? (Qual è il libro che hai appena finito?)

·         What do you think you’ll read next? (Quale sarà la tua prossima lettura?)
What are you currently reading?
(Cosa stai leggendo?)
Ho quasi finito e dovrei finirlo in mattinata "Fake Love” di K. Bromberg, un romanzo carino, ma devo confessare che mi aspettavo qualcosa di più, ma è comunque una lettura piacevole!!

martedì 12 novembre 2019

RECENSIONE: FOUR&EVER - B.B. REID


Titolo: Four&Ever

Serie: Love Rivals in Blacwood Keep#1

Autrice: B.B. Reid

Casa Editrice: Always Publishing

Data di pubblicazione: 24 ottobre 2019

Pagine: 445
TRAMA:
Una sfida tra due Rivali.
Una storia d'amore.
Una prestigiosa accademia
dove niente è come sembra.

Dopo aver rubato una motocicletta per gareggiare in una corsa clandestina, la sedicenne ribelle e indipendente Four viene costretta da sua madre ad abbandonare la Virginia e a trasferirsi con lei a casa del suo nuovo raffinato fidanzato, che la tira fuori dai guai.
Catapultata in un’esclusiva cittadina di ricchi con tanto di accademia privata, in una gigantesca magione in cui si sente decisamente fuori posto, Four scopre di non essere da sola. Il suo ricchissimo salvatore, infatti, ha un figlio.
E anche lui pensa che Four sia decisamente fuori posto.
Ever McNamara è un principe feroce, abituato a comandare su tutto e tutti alla Brynwood Academy, e ciò che vuole è liberarsi dell’arrampicatrice sociale e della sua figlia stracciona che suo padre ha portato a casa loro. Sin dal loro primo scontro, Four cerca di difendersi con le unghie e con i denti ma fallisce. Il principe di Brynwood riesce a farla esiliare in collegio in Europa per un anno.
Ora, un anno è passato e Four è tornata a Blackwood Keep con un solo proposito, quello di pareggiare i conti.Ma anche Ever sembra avere un suo misterioso obbiettivo, uno che potrebbe metterlo in pericolo. Dietro l’illusione dorata della sua vita perfetta, si nasconde qualcosa di temibile.
Scoprire i segreti del principe della Brynwood Academy potrebbe essere il modo per segnare, una volta per tutte, la sua caduta?
Oppure questi segreti oscuri potrebbero finire per legare Four ed Ever per sempre?

Lui è il re dell'accademia, lei la regina dei bassifondi. 

Cosa Penso:
Finsi che il mio cuore non stesse battendo all’impazzata alla promessa di una sfida con Four. 
La ragazza sarebbe finita col diventare il bottino della stessa guerra che aveva scatenato lei…
Four&Ever” è il primo capitolo della serie Love Rivals in Blacwood Keep di B.B. Reid ed è proprio una di quelle storie che sono solita amare alla follia e di cui vado alla continua e costante ricerca.
La sinossi del romanzo, sicuramente, non è particolarmente originale e se siete amanti di romance di sicuro l’avrete già letta almeno un migliaio di volte tra le pagine di un libro e probabilmente vista e rivista anche in serie tv e film alla televisione, ma personalmente amo le storie che narrano di due ragazzi che si ritrovano a condividere lo stesso tetto, che si odiano e che alla fine si innamorano. Del resto se mi seguite da un pò lo sapete; io ai romanzi hate to lovers proprio non so resistere e proprio per questo ero certa che avrei amato alla follia questo romanzo e per fortuna è stato davvero così, altrimenti la delusione sarebbe stata così forte e cocente che la mia recensione avrebbe avuto tutt’altro tenore.

giovedì 7 novembre 2019

RECENSIONE: LA PROFEZIA - J.L. ARMENTROUT


Titolo: La profezia

Serie : Titan#2

Autrice: J.L. Armentorut

Casa Editrice: Harper Collins

Data di pubblicazione: ottobre 2019

Pagine:

TRAMA:
Non c'è redenzione senza sacrificio. Lo straordinario finale della Titan Series. Seth era convinto di non avere il diritto di sperare in un futuro. Eppure ora sta per ottenere tutto ciò che ha sempre desiderato: un domani, una famiglia, la felicità. C'è un unico ostacolo: i Titani. Solo se lui e Josie riusciranno a imprigionarli nelle profondità della terra, i suoi sogni si realizzeranno. Ma questo potrebbe scatenare conseguenze catastrofiche... Se c'è una cosa che Josie ha sempre avuto ben chiara è che sconfiggere i Titani è il solo motivo per cui è nata. Il piano che suo padre ha architettato per aiutarla, però, non è più realizzabile, e l'escalation di violenza tra i Mezzosangue e i Puri non fa che accrescere i pericoli che incombono su di loro e sui loro amici. Ma Josie sa che non sta lottando solo per se stessa, e insieme a Seth è disposta ad affrontare l'indicibile. Sapendo che per vincere una volta per tutte questa guerra crudele sarà necessario un ultimo, sublime sacrificio. Perché la fine è ormai vicina, e la profezia sta per compiersi... Dopo Il ritorno, Il potere e La lotta, La profezia è il quarto e ultimo volume
Cosa Penso:




Vorrei davvero risparmiarvi la solita tiritera che vi propino ogni santissima volta in cui vi parlo di un libro della Armentrout, ma mi ritrovo qui a parlarvi dell’ultimo capitolo della serie Titan – “La Profezia” e quindi temo che ancora una volta dovrete sopportarmi mentre tesso le lodi di quella che una delle mie autrici preferite. Ho terminato questo libro da alcune settimane e ho già la recensione pronta da qualche giorno, ma solo oggi riesco a postarla sul blog e dirvi quanto ho amato questa serie e quanto sia profondamente dispiaciuta per averla terminata, è sempre triste dire addio a personaggi che ci hanno accompagnato in diverse avventure, ma tutte le cose belle devono necessariamente avere una fine, altrimenti diventerebbero noiose, e anche le serie della Armentrout hanno una conclusione, affatto noiosa è il caso di sottolineare.
Sulla trama del libro vi darò solo poche informazioni con il contagocce, la mia recensione sarà più che altro dedicata ai miei pensieri su questo romanzo e alle sensazioni che ho provato leggendolo.
La Profezia” inizia esattamente da dove “La Lotta” (click sul titolo per la mia recensione) si era interrotto con il suo cliffangher in pieno Armentrout style, ritroviamo quindi tutti i nostri personaggi del cuore; Josie, Seth e l’intera invincibile armata che lottano duramente per portare a termine il loro piano: radunare tutti i semidei e tumulare, una volta per tutte, i Titani. Ma ovviamente le cose non sono affatto semplici e le decisioni prese da Seth nel libro precedente hanno complicato interamente la missione.
I titani sono decisamente arrabbiati, Puri e Mezzosangue continuano a farsi la guerra in un incessante lotta di potere e i sogni di Josie sembrano presagire disgrazie e tragedie… ma non sarò di certo io a dirvi come andrà a finire, se siete curiosi dovete semplicemente prendere il romanzo e leggerlo in un soffio, proprio come ho fatto io.

lunedì 4 novembre 2019

RECENSIONE: ELITE. OSSESSIONE E POTERE - L. PAIGE


Titolo: Elite. Ossessione e potere

Serie: Dirty Duet #1

Autrice:
Laurelin Paige

Casa Editrice: Always Publishing

Data di pubblicazione:

Pagine: 

TRAMA:
C'era una volta una ragazza, povera e bellissima, che aveva un unico desiderio: entrare a far parte dell’élite.
Sabrina è una giovane brillante, ma di origini modeste. Appena giunta ad Harvard, grazie a una borsa di studio, non può fare a meno di restare ammaliata dal fascino dorato dell’élite d’America e dal suo rampollo, il carismatico e spensierato donnaiolo Weston King.
Le insidie di quel mondo esclusivo sono più oscure di quanto Sabrina riesca a immaginare e a salvarla dal suo destino sarà l’enigmatico e tenebroso Donovan Kincaid, amico di Weston. Ma l’affascinante Donovan non è un cavaliere in armatura scintillante e, nonostante la chimica bruciante che lo unisce alla innocente Sabrina, non esita a schiacciarla e a spezzarle il cuore. Il sogno dorato di Sabrina all’improvviso si infrange, e quel mondo irraggiungibile diventa solo un ricordo lontano.

Dieci anni dopo, Sabrina è una pubblicitaria affermata quando dal suo passato riemerge Weston King, l’uomo che lei ha idealizzato, insieme a un’offerta di lavoro irrinunciabile. Ma il suo segreto più torbido e la sua fantasia più proibita, la figura cupa e diabolica che popola i suoi sogni, è Donovan Kincaid, che lei aveva giurato di non rivedere mai più.
Sabrina viene riammessa nel mondo di lusso e privilegi dei due uomini tanto ricchi quanto pericolosi, e rincomincia una partita che in realtà non si era mai conclusa, in un gioco di passione, controllo, gelosia e potere messo in moto dieci anni prima.
Come un’ombra, Donovan non è mai veramente uscito dalla vita di Sabrina, e torna prepotente a ossessionarla, sconvolgerla, sedurla, per poi cercare di respingerla e di tenerla lontano con ogni mezzo dal mondo di cui non vuole che faccia parte.
Ma ora Sabrina è una donna adulta, che conosce le regole che vigono nell’Élite e non si lascerà spezzare... neanche dall’amore.
Il magistrale racconto di un amore proibito in una favola di passione, segreti, bugie, tradimento, gelosia e potere.
Questo è il mondo dell’Élite. 

Cosa Penso:

A malincuore devo ammettere che “Elite. Ossessione e potere” di Laurelin Paige è stato per me un grosso “NO!”, una grandissima delusione su più fronti.
Devo ammettere che la colpa della delusione è tutta mia, se  mi fossi informata a dovere sulla storia e sulla trama mi sarei accorta prima che questa lettura non era affatto nelle mie corde e molto probabilmente mi sarei avvicinata a questa storia con uno stato d’animo ben diverso, o molto più  probabilmente non mi ci sarei avvicinata affatto, risparmiando tempo che avrei potuto dedicare a letture ben più soddisfacenti. Tuttavia avendo letto questo romanzo, non posso proprio ignorare tutte le sensazioni spiacevoli che mi ha strasmesso e la rabbia che ho provato nei confronti della protagonista femminile e, quindi, sono qui per parlarvene.
Non sarà una recensione positiva e vi avverto che per farvi capire bene cosa non mi è piaciuto sono presenti piccoli spolier, quindi siete avvertiti, se non volete continuare potete saltare il racconto della trama e passare direttamente alle mie conclusioni nella seconda metà della recensione.

sabato 2 novembre 2019

SUMMARY SUMMER - RECAP LETTURE DI OTTOBRE 2019



Buongiorno meraviglie,
sono una pessima blogger, ad inizio settembre avevo promesso che sarei stata più presente, che avrei scritto più recensioni e che vi avrei riempito di contenuti, in realtà non è stato così e la mia latitanza sulla blogosfera persiste. Vi chiedo scusa e giuro solennemente che farò di tutto per essere più presente, ma è dura, anzi no durissima, perchè oltre al lavoro che impegna le mie giornate ho preso la decisione di iscrivermi nuovamente all'università, che avevo mollato tre anni fa. Mi manca un anno alla laurea, e devo assolutamente concludere il mio percorso... quindi chiedo scusa se non sarò tanto presente, ma farò il possibile per ritagliarmi del tempo per il mio blog, che è la mia valvola di sfogo.
Ma non sono qui per annoiarvi con ciance sulla mia carriera scolastica e lavorativa, ma sono qui con il recap delle mie letture del mese di ottobre, che sono state poche perchè il tempo che prima dedicavo alla lettura per piacere ora è dedicato in gran parte allo studio di noiosi volumi di diritto che mi fanno venire il voltastomaco solo a guardarli.

STO LEGGENDO:

"Il mio demone custode" di Giulia Nasole, sono solo all'inizio e quindi non mi sbilancio, ma ho aspettative altissime che spero non vengano deluse.

giovedì 24 ottobre 2019

RECENSIONE: EGOMANIAC - VI KEELAND


Titolo: Egomaniac

Autrice: Vi Keeland

Casa Editrice: Sperling&Kupfer

Data di pubblicazione: 17 settembre

Pagine: 304 

TRAMA:
Drew Jagger è un affascinante avvocato divorzista di successo, con uno studio da sogno affacciato su Park Avenue. Di ritorno da una vacanza alle Hawaii la sera di Capodanno, trova però il suo ufficio occupato da Emerie, una terapista di coppia che si è fatta truffare da un finto agente immobiliare. Dopo lo sconcerto iniziale, per la prima volta in vita sua, Drew, egocentrico e arrogante sciupafemmine, rimane intrigato da una donna che non ha nulla a che vedere con quelle che ha sempre frequentato. Emerie lo disarma. Con la sua ingenua schiettezza, la sua gentilezza, la sua vulnerabilità... e un lato B da capogiro. I due non hanno nulla in comune se non l'ufficio, ma col passare del tempo la convivenza forzata sfocia in una proficua collaborazione professionale e in un'attrazione irresistibile. Mentre cercano di controllare i loro impulsi, Drew dovrà affrontare il suo passato e imparare ad accettare una dura verità che riguarda suo figlio. E capirà che la dolcezza di Emerie è ciò di cui ha sempre avuto bisogno. E che il vero amore arriva quando meno te lo aspetti.

Una commedia romantica e piccante, dall'inconfondibile e frizzante penna di Vi Keeland. Arriva finalmente in Italia il più grande successo della regina mondiale del romance: Egomaniac.

Cosa Penso:
Io adoro Vi Keeland.
L’adoro!
L’ho scoperta per puro caso qualche anno fa con “Bossman” (click sul titolo per la mia recensione) e da quando l’ho scoperta non l’ho più lasciata. Aspetto con ansia e trepidazione le sue uscite che non sono posso fare a meno di acquistare e leggere e ogni volta che viene annunciata una nuova pubblicazione io l’acquisto alla cieca, senza nemmeno leggere la trama e immancabilmente mi conquista. Che scriva da sola o a quattro mani con altre autrici, state certi che il suo stile accattivante e inconfondibile si fa riconoscere ed è impossibile non lasciarsi travolgere e ve lo dico per esperienza personale, per esempio io non amo particolarmente Penelope Ward, un autrice che mi delude ogni volta tranne quando la  nostra Vi Keeland scrive con lei, ma questa è un'altra storia con cui non vi voglio annoiare, perché oggi sono qui per parlarvi dell’ultimo scritto approdato in casa Sperling e sto parlando di “Egomaniac”.
Devo ammettere con brutale e sincera onestà che “Egomaniac” non è il romanzo più originale mai letto, ma al contrario è una storia che ormai molto autori ci hanno propinato nelle più svariate salse: la classica storia degli opposti che si attraggono è probabilmente vecchia quanto il mondo, ma se a raccontarla e Vi Keeland, potete stare certi, che non vi annoierà nemmeno per un singolo istante, perché riesce a renderla una storia intrigante, accattivante ed incantevole che non riuscirete ad abbandonare fino a che non sarete giunti alla parola fine.
I due punti di forza del romanzo sono senza dubbio i personaggi, in modo particolare i due protagonisti: Drew Jegger e Emerie Rose che tramite capitoli alternati si fanno conoscere e ci fanno totalmente innamorare di loro.

giovedì 17 ottobre 2019

RECENSIONE: SEMPRE LEI DI VALENTINA FERRARO


Titolo: Sempre Lei

Autrice: Valentina Ferraro

Casa editrice: Self Publishing

Data di pubblicazione: 18 Settembre 

Pagine: 459

TRAMA:
Eva Carter ha una missione: sopravvivere al suo primo anno di college a New York City, mantenere la media alta, impegnarsi anima e corpo nel nuoto per non perdere la sua borsa di studio e rendere, così, orgogliosi i suoi genitori.
Theo Steinfield ha un piano preciso: passare a pieni voti l’esame di ammissione per la scuola di Legge, tenersi alla larga dai guai e rimanere monogamo per più di due settimane consecutive.
Lei odia le feste. Lui le organizza.
Lei è ligia alle regole. Lui le infrange. Tutte.
Lei è la ragazza giusta per mettere la testa a posto. Lui è il ragazzo giusto per spezzarle il cuore.
E se un segreto ingombrante, un sogno da realizzare a qualunque costo e la buona volontà di mantenere le distanze da quella ragazzina intoccabile non fossero sufficienti? Cosa farà Theo quando si troverà di fronte alla scelta più importante della sua vita: rimarrà con lei o partirà per sempre?

Cosa Penso:

Valentina Ferraro è una garanzia per me, si è scavata un posticino nel mio cuore con la serie The Matching Scars  e li è rimasta. La seguo  sui vari social per essere sempre aggiornata sulle sue pubblicazioni e appena ne annuncia una nuova attendo l’uscita con ansia e trepidazione, è stato così con la nuova serie che sta scrivendo; Naked Truth ed è stato così anche con “Sempre lei”.

Era fine Giugno, se non sbaglio, quando ha comunicato la data di uscita di questo romanzo e io esaltata come mai nella vita ho contato i mesi, le settimane, i giorni e persino le ore, siccome amazon ha deciso di farci penare parecchio, rendendo il libro disponibile dopo un mucchio di ore. Ore in cui ho consumato il tasto f5 della tastiera del mio pc per aggiornare la pagina in continuazione. Ma vi posso garantire che questo romanzo è valso ogni secondo d’attesa, siccome è stato una lettura straordinaria, una di quelle che avrei tanto voluto non finissero mai.
Confesso che ero un po’ preoccupata per l’uscita di questo libro, le mie aspettative erano così alte che il rischio di una delusione bruciante era proprio dietro l’angolo, del resto pur essendo un romanzo stand alone, che inizia e finisce tra queste pagine, è comunque strettamente legato alla serie The Matching Scars e le sue novelle. Una serie, quella della Ferraro, che ho amato profondamente e avevo parecchio timore che “Sempre lei” non fosse all’altezza dei precedenti e che fosse stato scritto solo per accontentare le lettrici, del resto la letteratura rosa contemporanea è piena zeppa di casi di questo tipo; con autrici che hanno rovinato intere serie perché incapaci di dire addio ai loro personaggi, se devo citarne una mi viene in mente Jamie McGuire con la serie The Maddox Brothers (Bellissimi i primi libri ora, però, è il momento di passare oltre), ma per fortuna non è questo il caso e posso dire a gran voce che leggerei altri mille romanzi che hanno come protagonisti i ragazzi Carter.

mercoledì 16 ottobre 2019

W...W...W...WEDNESDAY #216



Buon giorno lettori adorati,
oggi sono a casa dal lavoro, sono in malattia con il colpo della strega e sono letteralmente bloccata a letto a parte il male ogni più piccolo movimento sto leggendo parecchio e la cosa non mi dispiace e inoltre sto recuperando parecchie recensioni arretrate ne ho già scritte tre le vedrete nelle prossime settimane. 
ma nn divaghiamo in chiacchiere inutili e partiamo con la mia rubrica preferita, il  W…W…W… WEDNESDAY, inventata dal blog should be reading.  
Vi ricordo, come sempre, che potete partecipare tutti rispondendo alle tre domandine che trovate qui sotto, quindi bando alle ciance e partiamo.

·         What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)

·         What did you recently finish reading? (Qual è il libro che hai appena finito?)

·         What do you think you’ll read next? (Quale sarà la tua prossima lettura?)
What are you currently reading?
(Cosa stai leggendo?)
Ho quasi finito e dovrei finirlo in mattinata “Elite. Ossessione e Potere” di Laurelin Page  primo capitolo della serie Elite,  ma devo ammettere che non mi sta piacendo tanto e non so se darò un voto positivo, ma per dirlo voglio aspettare il finale, sia mai che mi stupisca all'ultimo. 

giovedì 10 ottobre 2019

RECENSIONE: UNMADE - SARAH REES BRENNAN

Titolo: Unmade

Serie: The Lynburn Legacy #3

Autrice: Sarah Rees Brennan

Casa Editrice: Triskell edizioni

Data di pubblicazione: 27 Settembre

Pagine: 339

TRAMA:
Chi verrà sacrificato?
Kami ha perso il ragazzo che ama, è legata a uno per il quale non nutre lo stesso sentimento e si trova costretta ad affrontare un nemico potente come non mai. Ora che Jared è disperso da mesi e ritenuto morto, la ragazza non può fare a meno di ricorrere al suo legame con Ash per trovare la forza necessaria a contrastare il male che dilaga in città.
Rob Lynburn ha il controllo di Mestavalle ed è determinato a ottenere un sacrificio umano, ma Kami è decisa a fermarlo e, quando insieme a Rusty, Angela e Holly, scoprirà un segreto che potrebbe salvare la situazione, si troverà a dover affrontare una scelta difficile, che potrebbe mettere a rischio non solo la sua vita, ma anche quella delle persone a lei più care.
Il capitolo finale della serie L’eredità dei Lynburn è un viaggio eccitante dall’inizio sino al suo sorprendente finale.


Cosa Penso:


Sono in super ritardo con la pubblicazione di questa recensione, avrei dovuto scriverla e pubblicarla il giorno d’uscita del romanzo, ma solo oggi sono riuscita a sedermi con calma e mettere nero su bianco il mio pensiero, considerato che ho letto il libro diverse settimana fa, in anteprima, sono quasi imperdonabile, ma il lavoro è stato caotico in quest’ultimo periodo e come sicuramente avrete notato il mio povero blog ne sta pagando le conseguenze, ma meglio tardi che mai e, quindi, eccomi qui con il mio pensiero su “Unmade” il terzo capitolo della serie The Lynburn Legacy di Sarah Rees Brennan.

Unmade” riprende esattamente da dove si era interrotto “Untold” (click sul titolo della mia recensione) e ci ritroviamo a Mestavalle, una magica cittadina nelle campagne inglesi, che deve affrontare i deliri di onnipotenza di Robert Lynburn, che dopo aver vinto una sanguinosa battaglia è più che deciso a vincere l’intera guerra e avere nelle sue mani il potere assoluto, così da poter dominare Mestavalle e insediare il suo regno del terrore. 
Robert ha radunato gli stregoni, ma questo non basta per renderlo il potente padrone assoluto, ha bisogno di un sacrificio di sangue e qualcuno a Mestavalle deve dare la sua vita volontariamente. 
Gli abitanti della città sono terrorizzati e Kami Glass e i suoi amici sembrano essere i soli abbastanza coraggiosi da mettersi contro Robert, cercando disperatamente di ostacolare i suoi piani.
L’impresa non è affatto semplice e più che un piano ben congegnato, quello di Kami e dei suoi amici, sembra un folle tentativo suicida, perché le decisioni che i ragazzi devono prendere per sterminare Robert non solo mette a rischio le loro vita, ma mette a repentaglio anche quelle delle persone a cui vogliono bene.

martedì 1 ottobre 2019

RECENSIONE: CHOOSING US - M ROBINSON

Titolo: Choosing us

Serie: The Pierced Hearts Duet #1

Autrice: M Robinson

Casa Editrice: amazon self

Data di pubblicazione: INEDITO IN ITALIA

Pagine: -- e-book

TRAMA:
Cosa fai se incontri la tua anima gemella quando hai sette anni? 

Dai...
Vivi...
E ami...
Insieme.
Per sempre. 
Nel bene e nel male. 
Fino a che non senti le parole non ti amo più.
mettono una fine a tutto. 
A me. 
A te. 
A noi. 

**ATTENZIONE**
Trama e citazioni sono tradotte da me. Potete prelevarle, se volete, ma siete pregati di citare la fonte. Grazie!!

Cosa Penso:


La protagonista indiscussa del mio settembre libresco è stata M. Robinson, un autrice d’oltreoceano molto nota che mi ha inesorabilmente conquistata e da quando l’ho scoperta con “Lost Boy” (Click sul titolo per la mia recensione) ho recuperato poco a poco tutti i suoi romanzi. M. Robinson è una droga potentissima che da dipendenza. 
Ho divorato in pochissimo tempo le pubblicazioni che sono arrivate in Italia e poi mi sono buttata sugli inediti, quei romanzi che spero arrivino presto nel nostro paese, e che io non potevo assolutamente aspettare per leggere, perché questa autrice, con il suo stile di scrittura accattivante e coinvolgente mi ha totalmente rapita e non riesco più a smettere di immergere il naso nei suoi libri, quindi siete avvertiti ragazzi; 
Una delle peculiarità dei romanzi di questa autrice è che sono tutti strettamente collegati l’uno all’altro, tutte le serie che ha scritto e tutti gli stand alone possono, chiaramente, essere letti singolarmente, ma sono comunque tutti collegati e, infatti, ritroviamo sempre i personaggi di cui abbiamo letto precedentemente e che abbiamo tanto amato in tutti i suoi scritti ed è fantastico, soprattutto se come me, siete quei lettori a cui dispiace sempre tanto abbandonare i personaggi incontrati tra le pagine di un libro.

mercoledì 25 settembre 2019

W...W...W...WEDNESDAY #215

Buonasera splendori,
eccomi qui con la mia rubrica preferita, il  W…W…W… WEDNESDAY inventata dal blog should be reading.  
Vi ricordo, come sempre, che potete partecipare tutti rispondendo alle tre domandine che trovate qui sotto, quindi bando alle ciance e partiamo.

·         What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)

·         What did you recently finish reading? (Qual è il libro che hai appena finito?)

·         What do you think you’ll read next? (Quale sarà la tua prossima lettura?)
What are you currently reading?
(Cosa stai leggendo?)
Inizierò dopo cena  “Choosing You” secondo capitolo della serie the pierced hearts duet di M Robinson, il primo mi è piaciuto tanto e non vedo l'ora di iniziare questo. 

giovedì 19 settembre 2019

RECENSIONE: DOVE TUTTO FINISCE - M. ROBINSON


Titolo: Dove tutto finisce

Serie: Road to Nowhere

Autrice: M. Robinson

Casa Editrice: Quixote

Data di pubblicazione:

Pagine:

TRAMA:
Cenere alla cenere, polvere alla polvere, e tutta quella merda lì.
Avevo ucciso.
Avevo sacrificato.
Colpevoli e innocenti.
Conoscevo il sangue e conoscevo la violenza. Ma non avrei mai immaginato che avrei conosciuto l’amore. Mia Ryder era una donna da amare.
Da venerare.
Da reclamare.
Da ora e per sempre, ogni singolo giorno.
Se c’era qualcuno per cui andare all’inferno e tornare, era lei. Anche se significava andare in guerra contro… mio fratello.

Cosa Penso:
Era l’effetto farfalla. A ogni azione corrispondeva una reazione. Una volta che qualcosa cambiava, non potevi fermare la serie di eventi innescati. Una singola decisione poteva essere una calamita per il caos. Un minuscolo secondo. Un momento per alterare una vita. Per mettere in moto le cose. 
Dove tutto finisce” è il secondo e ultimo capitolo della duologia Road to Nowhere di M. Robinson ed è stata una lettura intensa, angosciante e meravigliosa.
Come vi ho detto nella recensione di “Strada verso il nulla” (click sul titolo per leggerla) ho scoperto tardi sia l’autrice che questa serie e ho letto i suoi libri al contrario rispetto all’ordine di uscita. Iniziando dall’ultimo pubblicato in Italia; “Lost Boy” (Click sul titolo per la mia recensione). Anche se “Lost Boy è uno stand alone è strettamente legato a questa serie, in modo particolare a questo romanzo perché a dividere la scena con i  due protagonisti, che abbiamo già conosciuto nel libro precedente, c’è anche Noah Jameson, il fratello minore di Creed e protagonista di “Lost Boy”, per questo motivo è fortemente consigliato rispettare l’ordine di pubblicazione perché altrimenti, facendo come ho fatto io,  vi rovinereste la lettura. Ma anche se mi sono spoilerata la fine “Dove tutto finisce” è stata una lettura meravigliosa e l’ho amato un sacco!
È molto difficile parlarvi di questo libro senza fare spoiler e senza svelare dettagli che possano rovinare la lettura, per questo motivo vi darò le informazioni con il contagocce sperando che questa mia recensione non sia troppo criptica e incomprensibile.
Dove tutto finisce” inizia esattamente da dove si era interrotto “Strada verso il nulla” con il suo cliffangher pazzesco e l’intera storia ruota attorno a quell’evento che ha portato caos e scompiglio nella vita dei nostri protagonisti.
Sulla trama non vi dirò  molto di più, ma mi concentrerò soprattutto su Mia e Creed, che nello scorso romanzo abbiamo visti cambiare, crescere e maturare con il passare degli anni e ora, tra queste pagine, entriamo nel vivo della loro travagliata storia d’amore, che si intreccia profondamente con la vita di Noah che incasina la relazione tra i nostri protagonisti. Infatti quella che troviamo tra queste pagine è una storia d’amore complicata che regala al lettore una buona dose di acidità di stomaco, facendolo soffrire da morire. Perché l’amore che condividono Mia e Creed è uno di quei sentimenti potenti e totalizzanti, un amore che dovrebbe durare per l’eternità, ma che purtroppo viene messo a dura prova da un destino crudele che si diverte ad incasinare le loro esistenze. Una terribile tragedia si abbatte su Mia portando scompiglio e distruzione, come solo un tornado sa fare, e lei ora ha bisogno di una pausa per rimettere insieme i cocci del suo cuore infranto e lì, accanto a lei, non c’è Creed, ma Noah che è l’unica persona al mondo che può capire cosa la ragazza sta passando, perché lui prova le stesse identiche cose...