giovedì 24 maggio 2018

RECENSIONE: THE KISSING BOOTH - BETH REEKLES


Titolo:“The Kissing Booth”

Autrice: Beth Reekles

Casa Editrice: DeA Planeta 

Data di pubblicazione: 21 maggio 2018

Pagine: 

TRAMA:

*** Un’imperdibile storia d’amore nata dal web: un fenomeno di Wattpad, un libro che ha affascinato oltre 19 milioni di lettori nel mondo e ora un grande film su Netflix. ***

Rochelle ha diciassette anni, è bella, popolare, brillante. È circondata di amici, ma non è mai stata baciata. Non ha mai avuto un fidanzato, solo cotte per tipi sbagliati, bad boy di cui le era impossibile innamorarsi davvero. E Noah non fa eccezione. Anche lui è inaffidabile, tenebroso, irritante. E con le ragazze vuole solo divertirsi. Rochelle non ha alcuna intenzione di cedere al suo irresistibile fascino. Perché di una cosa è certa, Noah non è quello giusto. Glielo ripete di continuo anche Lee, il suo migliore amico, l’unica persona a cui Rochelle non potrebbe mai rinunciare. Ma il fatto che Lee sia il fratello di Noah complica ogni cosa. Soprattutto quando Lee scopre un segreto, un segreto inconfessabile che non può, o forse non vuole, condividere con Rochelle. Dalla penna di un’autrice giovanissima, il nuovo fenomeno letterario nato da Wattpad, vincitore del premio Watty. Un esordio sorprendente, una storia d’amore che si divora compulsivamente, come un film.



Cosa Penso: 

The Kissing Booth” romantico, spassoso e divertentissimo è solo uno degli ultimi romanzi sfornati dalla ormai notissima piattaforma di racconti online, Wattpad. So bene che moltissimi di voi alla dicitura Wattpad storcono il naso e scappano a gambe levate, ma fidatevi di me questa volta; non fatevi influenzare dai vostri pregiudizi negativi e date una possibilità a questa storia, perché sono assolutamente certa che se amate il genere young adult non ve ne pentirete. 

La storia che ci viene narrata tra queste pagine segue le vicende di Rochelle – Elle – Evans. 
Elle ha diciassette anni e frequenta il liceo. È bellissima, simpatica ed intelligente è una delle ragazze più popolari della scuola. 
Da quando è nata passa ogni singolo istante con il suo migliore amico, Lee Flyn. Lee è l’amico che tutti vorrebbero, la sua spalla e il suo confidente e hanno un rapporto fraterno decisamente invidiabile. Ed è l’unico ragazzo con cui lei si sente davvero a suo agio. Infatti, Elle pur essendo popolare e bellissima non ha mai avuto un ragazzo e non è mai stata baciata questo perché tende ad innamorarsi sempre dei ragazzi sbagliati, ovvero i più classici bad boy che dalle ragazze cercano una cosa soltanto… e anche Noah Flyn, il fratello maggiore di Lee, rappresenta alla perfezione il classico ragazzaccio di cui Elle è solita innamorarsi. 
Noah è un’autentica canaglia con l’attitudine a cacciarsi costantemente in qualche guaio e intrufolarsi costantemente in risse che finiscono a scazzottate e occhi pesti.  
È uno dei giocatori di football più popolari dell’intero liceo e i suoi bicipiti possenti e i sorrisi sfrontati lo rendono un casanova impenitente, sempre attorniato da stuoli di ragazze con cui ama divertirsi senza impegno. 

Insomma, Noah Flyn è presuntuoso, arrogante e detestabile, ma è anche terribilmente sexy con quel suo lato tenebroso che piace tanto a Rochelle, ma lei sa benissimo che lui non è affatto il tipo adatto a lei. E non solo perché è un ragazzaccio, ma anche perché Lee non gradirebbe affatto il dover dividere la sua migliore amica con suo fratello e lei non può far stare male il suo migliore amico, non per un tipo come Noah! 
Ma anche se Elle gli è sempre stata a distanza tutto si complica alla fiera studentesca. 
Galeotto fu lo stand di baci dove Rochelle e Noah si scambiano un bacio bollente e passionale che lascia entrambi senza fiato. 
Quando le mie labbra sfiorarono le sue sentii un sapore di menta e zucchero filato, una combinazione niente male, dopotutto. Lo baciai e per un istante dimenticai tutto. Dimenticai che eravamo in una kissing booth, dimenticai che eravamo in pubblico, dimenticai che si trattava di Noah, che in teoria detestavo perché si intrometteva nella mia vita. Per un attimo dimenticai persino che si trattava del mio primo bacio.
Mi limitai a baciarlo, seguendo i suoi movimenti. E, quando sentii la punta della mia lingua toccare la sua, schiusi un po’ di più la bocca, lasciando che il bacio diventasse più profondo. Reagii con decisione, anche se non avevo idea di cosa stessi facendo.
Il primo bacio di Elle è anche quello che fa capire a Noah Flynn che quella ragazza, che lui ha sempre trovato una gran scocciatura, in realtà non è affatto male ed è l’unica capace di fargli provare sensazioni che mai nessuno ragazza gli ha fatto sentire prima. Ed è così che iniziano una relazione segreta e che non deve essere svelata per nessun motivo, perché se Lee lo venisse a sapere sarebbero guai. 
Guai grossi!
Ma le bugie e le verità celate hanno le gambe corte e se non sta attenta, Rochelle, rischia di perdere non solo il ragazzo per cui inizia a sentire qualcosa di grosso e profondo, ma anche il suo più vecchio amico… 
 L’unica cosa importante era non perdere Lee. E così, una frazione di secondo dopo, corsi dietro di lui, gridando il suo nome nel corridoio, e lo seguii mentre scendeva le scale e usciva dalla scuola, diretto al parcheggio. Sentii Noah alle mie spalle, però non gli prestai attenzione. Lee era l’unica cosa che contava.
«Lee, per favore, fermati!» gridai, tenendomi un fianco. Ero senza fiato.
Lee era la persona più importante della mia vita. Se si escludeva la mia relazione con Noah, sapeva tutto di me. Sapeva che taglia di reggiseno portavo. Sapeva che odiavo il profumo dello shampoo all’olio di jojoba che usava. Sapeva persino della voglia a forma di fragola che avevo sul sedere. Era l’altra metà di me e non potevo perderlo. Volevo che restasse il mio migliore amico finché non fosse arrivata la morte a separarci… E magari avremmo lasciato questo mondo insieme: in fondo, eravamo nati a pochi minuti di distanza.
Secondo alcuni la persona di cui ci si innamora è quella con cui trascorriamo il resto della nostra esistenza; quella che conosce i nostri segreti più intimi e nascosti e ci ama ugualmente; quella che sa sempre cosa dire per farci sorridere o tirarci su di morale; quella senza cui non possiamo vivere. Ma a me, in tutta sincerità, non importava nulla della persona di cui mi sarei innamorata. Volevo soltanto non perdere Lee.

The Kissing Booth” è un romanzo davvero, davvero, molto carino. Un romanzo d’evasione che è  l’ideale per passare alcune ore di totale ed assoluto svago, soprattutto  dopo letture impegnate e pesanti, perché questo romanzo è una boccata d’aria fresca,  riesce a rilassare il lettore attraverso uno stile narrativo frizzante e dialoghi estremamente brillanti che strappano sorrisi a profusione e risatine a fior di labbra. 
Beth Reekles, l’autrice che ha scritto questa storia è stata davvero brava, considerata la sua giovane età, ed è riuscita a scrivere un romanzo che pur essendo estremamente semplice sa anche appassionare. “The Kissing Booth”, infatti, coinvolge  non solo i giovani lettori che frequentano ancora i banchi di scuola e che di certo non fanno alcuna alcuna fatica ad entrare in sintonia con la spassosissima protagonista femminile, ma è un romanzo altresì, adattissimo anche per quei  lettori un po’ più grandicelli che, come la sottoscritta, hanno lasciato da tempo le aule scolastiche ma che grazie all’autrice riescono a  fare un tuffo nel passato e ricordare con immenso piacere e trasporto gli anni del liceo, rivivendo tramite i protagonisti quelli che, senza ombra di dubbio, sono anni meravigliosi. 
La storia mi è piaciuta tanto, ma devo ammettere che il finale mi ha fatto un pò storcere il naso, deludendomi un pochino
Nei romanzi stand alone, quelli che non fanno parte di serie, sono solita amare in finali "chiusi". Quel tipo di conclusione che mettoe un punto definitivo alla storia. Sono una fan del vissero per sempre felici e contenti e mi piace immaginare i personaggi insieme nei secoli dei secoli dopo che ho terminato il libro, ma tra queste pagine il finale è aperto. Certo, essendo un libro stand alone non è di certo uno di quei finali da sbattere la testa contro al muro, ma si conclude lasciando al lettore la possibilità di immaginare ciò che succederà dopo e questa è la principale ragione se il mio voto si ferma a 3.5 stelline, ma se voi non avete problemi con questo tipo di conclusione sono certa che la cosa non vi infastidirà.  

Sono certa che ultimamente avrete tutti sentito parlare parecchio di “The Kissing Booth”, e non solo perché questo romanzo era molto atteso, ma anche perché è diventato un film, una produzione originale Netflix, che sta letteralmente spopolando sul web in questi ultimi giorni. E non posso proprio scrivere questa recensione senza parlarvi brevemente anche del film. 
Il film è senza ombra di dubbio carino, soprattutto se amate le commedie per famiglie romantiche e divertenti, ma se posso darvi un consiglio del tutto spassionato, non commettete l’errore che ho fatto io, non guardatelo prima di aver letto il libro. Prima leggete il romanzo perché se fate il contrario, rischierete di rovinarvi la lettura e di non godervela fino in fondo, ed è un vero peccato perché il libro è talmente carino che merita di essere goduto fino in fondo. 
Non posso dire che il film non mi sia piaciuto, ma del resto si sa: è una verità universalmente conosciuta quella che i romanzi sono sempre molto meglio dei film e anche questa storia non fa eccezione!

Credo di aver detto parecchio su “The Kissing Booth” e in conclusione non posso far altro che consigliarvi caldamente questo romanzo, soprattutto se amate le storie di evasione per young adult che narrano fiabe romantiche ma anche estremamente spassose.
Il mio voto:



7 commenti:

  1. Ho visto il film e mi è piaciuto veramente tanto a questo punto devo leggermi assolutamente anche il libro eheheh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia, la lettura è tanto carina... l'ideale lettura di svago estiva ;)

      Elimina
  2. Io purtroppo ho commesso il tuo stesso errore di vedere prima il film e presto leggerò il libro. Il film non mi è dispiaciuto, non è per niente originale ma è spassoso e a tratti drammatico. Vedrò la lettura come procederà :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni volta che esce un film tratto da un libro che non ho letto mi riprometto che prima leggerò il libro e solo dopo lo guarderò... e inevitabilmente ci casco e mi rovino la lettura ;(

      Elimina
  3. film stupendo x chi ama film romantici che ti emozionano e fanno sognare.

    RispondiElimina
  4. Non avrei dovuto scoprire del film. Ora dovrò fare forza su me stessa per non guardarlo finchè non avrò letto il libro!
    Sembra molto carina come lettura da spiaggia. Me lo segno così poi potrò guardare tranquillamente il film:)

    RispondiElimina
  5. Ho visto il film per caso,e.credevo fosse.un'altra stupida commedia invece mi è piaciuto così tanto che spero che esca il sequel perché anke se l'immaginazione e forte gli occhi hanno la meglio quindi vorrei vedere il continuo e con gli stessi attori e spero con un bel finale. Complimenti

    RispondiElimina