giovedì 16 ottobre 2014

RECENSIONE: IL PERDONO - JODI ELLEN MALPAS


Titolo: Il perdono

Serie: This man trilogy #3

Casa editrice: Newton Compton

Anno di pubblicazione: 2014

Pagine: 475

Trama:

L’eccitante storia tra Ava e Jesse è iniziata al Maniero, il lussuoso tempio del sesso, ed è proprio qui che stanno per celebrarsi le loro nozze, coronamento di una passione sfrenata e travolgente. Jesse ha mostrato di desiderare Ava più di ogni altra cosa e Ava ha imparato a conoscere meglio il suo uomo e ad accettare anche i lati peggiori del suo carattere dominante e impulsivo. Ma ora l’affascinante Lord del Maniero ha in serbo per lei altre sorprese. Lui che sa bene come offrirle momenti di pura estasi, sa anche come farla infuriare e gettarla nello sconforto. E stavolta non sarà affatto facile farsi perdonare…

Cosa penso:



 Siamo giunti al termine della “This man trilogy” di Jodi Ellen Malpas. La Newton Compton in tre mesi ci ha permesso di leggere la trilogia completa, e noi fan di Jesse Ward non potremmo essere più contente di così.

Dopo aver finito questo libro in tempo recrd prima di recensirlo mi sono dovuta prendere un po’ di tempo. Jesse Ward mi ha letteralmente travolta con il suo fascino e le sue confessioni, e mi è ci è voluto un po’ per tornare sulla terra “dal settimo cielo Jesse” – per citare Ava – e non credo di esserci ancora ritornata completamente.

“Il perdono” riprende con il grande matrimonio tra Ava e il suo Lord.
Matrimonio in grande stile festeggiato al Maniero con parenti e amici. Un matrimonio non convenzionale, che vede come protagonista una Ava in abito bianco avorio rigorosamente di pizzo e un affascinantissimo Jesse che armato di manette se la lega letteralmente al polso, non permettendo a nessuno di staccarla dal suo fianco. Il suo nuovo motto è contatto costante.
Ava conosce meglio Jesse, e nonostante gli alti e bassi del loro rapporto è decisa a legarsi a lui per la vita. Del resto Jesse è l’unico uomo capace di farla camminare al settimo cielo, ma anche l’unico capace di farle toccare il baratro nero dell’inferno con i suoi segreti e i suoi atteggiamenti irrazionali e del tutto fuori controllo, ma Ava ha imparato a convivere anche con i lati peggiori di Jesse e sa che senza di lui non solo non potrebbe mai essere felice ma non riuscirebbe neanche a vivere.

Dei tre libri della trilogia “Il perdono” è quello che ho preferito. Il più intenso, il più profondo, penetrante e passionale. La Malpas in questo volume ha dosato il giusto mix di romanticismo, passionalità e erotismo, il tutto contornato dalle confessione del Lord che ha deciso di svelare i suoi segreti più nascosti, permettendo a noi  lettrici di conoscerlo meglio e far luce su quell’alone di mistero che lo ha contornato nei precedenti romanzi e adorarlo ancora di più. 
Il Lord mi aveva già conquistata all’inizio di “La confessione”, il primo romanzo della serie, ma ora dopo aver letto l’ultimo libro e aver conosciuto i suoi segreti, aver conosciuto le sue debolezze e paure più profonde posso affermare con assoluta certezza che il Lord del Maniero mi ha letteralmente stregata e incantata. Nonostante le sua irragionevolezza estrema, la sua possessività nei confronti della donna che ama ha dimostrato di essere un uomo estremamente dolce e romantico, lati che aveva già dimostrato nei romanzi precedenti
ma qui li ho sentiti ancora più forti.

Jesse è il classico maschio alfa dominante estremamente sexy ed eccitante è impossibile non farsi trascinare e conquistare da quest’uomo talmente sicuro di se senza risultare borioso e antipatico, talmente irrazionale da diventare quasi divertente con le sue manie di controllo e suoi continui conti alla rovescia per piegare Ava al suo volere.
Insomma, forse è il caso che mi fermi altrimenti questa recensione non sarebbe altro che una lunga lista di aggettivi per cercare di far capire quanto Jesse Ward mi ha ammaliata.

«Lo senti?» Appoggia i palmi delle mie mani sul suo petto e li tiene stretti. «E' stato fatto per amarti, Ava. Per troppo tempo è rimasto inutile, ridondante, di peso. Adesso lavora in modo frenetico. Si gonfia di felicità quando ti guardo. Si spezza per il dolore quando litighiamo. E batte come un pazzo quando faccio l'amore con te. Forse esagero con il mio amore, ma è qualcosa che non cambierà mai. Ti amerò con la stessa violenza fino alla morte, piccola. Figli o non figli.»
Con questo terzo e ultimo romanzo l’autrice è riuscita a farmi vedere Ava sotto una nuova luce. Nei primi due romanzi non ho apprezzato particolarmente la protagonista. Non ho condiviso le sue scelte, e il suo cercare di allontanarsi da Jesse mi ha dato profondamente sui nervi. Per non parlare poi della sua incapacità di farsi valere e sottomettersi sempre al suo volere. Alla fine del primo romanzo i livelli di antipatia per Ava sono stati massimi. Il fatto che lo abbia abbandonato nel momento in cui lui aveva più bisogno di lei mi ha davvero fatta arrabbiare.
Ma ora che sono arrivata alla conclusione, posso affermare con certezza che Ava è salita di qualche gradino sulla mia scala di gradimento. Non ha avuto la reazione che mi aspettavo di fronte alle confessione di Jesse ma è stata abbastanza forte da riuscire a superarle e ha finalmente capito che il loro amore può battere ogni cosa. L’importante è che stiano insieme e uniti. 
“Ora non le ordino più di farmi vedere gli occhi. Non ho bisogno di controllare che sia vera. Finché il mio cuore continuerà a battere, saprò che lo è. Fine della storia”
 La Malpas con questa trilogia è riuscita ad incantarmi completamente. È vero probabilmente questa serie di romanzi non è particolarmente profonda e originale, forse presenta alcune similitudini con la trilogia che ha rilanciato il genere erotico,  ma per quanto mi riguarda ho adorato ogni pagina e so che sarà una di quelle serie che rileggerò ancora, e ancora.

Il mio voto:
Imperdibile.
Livello sensualità:
Bollente.









Nessun commento:

Posta un commento