martedì 2 giugno 2020

SUMMARY MONTH - RECAP LETTURE DI MAGGIO 2020

Buongiorno meraviglie,
come state? Avete ripreso a pieno la vostra normalità? Io ancora no, la mia ditta è ancora chiusa e lavoro ancora da casa, forse il 15/06 dovremmo riaprire e anche per il resto ci vado cauta e cerco di non stare in luoghi chiusi e affollati, per cui anche le uscite con gli amici ultimamente scarseggiano..o mi mancano parecchio in effetti... ma torneremo alla normalità, ci vuole solo ancora un pò di pazienza.
Ma ora, bando i discorsi seri e parliamo di letture, quelle che mi hanno tenuto compagnia a maggio.

STO LEGGENDO:

il terzo capitolo della serie Rixon Raider: "La mia rovina sei tu" e lo sto adorando!!! Non vedo l'ora di parlarvene!!! 

lunedì 1 giugno 2020

RECENSIONE: AMARTI E' SOLO L'INIZIO - JENNIFER L. ARMENTROUT

Titolo: Amarti è solo l’inizio 

Serie: Frigid #2 

Autrice: J.L. Aremntrout 

Casa Editrice: Nord 

Data di pubblicazioni: 

Pagine: 

TRAMA:

C'è stato un tempo in cui Andrea era follemente innamorata di Tanner. Ma i suoi sentimenti sono evaporati nel momento in cui l'ha sorpreso a letto con la sua compagna di stanza. Da allora, lo vede per quello che è: un donnaiolo arrogante e superficiale. Andrea non riesce nemmeno a stare nella stessa stanza con lui senza rifilargli una frecciata sprezzante. Ecco perché è molto seccata d'incontrarlo persino in montagna. Eppure, lontano da ogni distrazione, Tanner sembra di nuovo il ragazzo gentile e premuroso che le aveva rubato il cuore…
Tanner non ha mai voluto una relazione seria. Tuttavia, più tempo passa con Andrea, più si rende conto che nessuna delle sue folli notti vale un solo minuto con quella ragazza così intelligente e sensibile, cui basta un sorriso per disintegrare la corazza che lui si è costruito con tanto impegno. Tanner intuisce inoltre che, dietro quell'atteggiamento allegro e spigliato, Andrea nasconde un lato oscuro, fatto di ombre che la tormentano e la spingono verso la catastrofe. Lui non può combattere al suo posto, però forse il suo aiuto sarà la spinta di cui Andrea ha bisogno per affrontare i suoi demoni e aprirsi di nuovo all'amore…

 

Cosa penso: 


Era da quasi un anno che aspettavo l’uscita di “Amarti è solo l’inizio” secondo capitolo della serie Frigid di Jennifer L. Armentrout , nonostante ciò devo ammettere che non avevo grandi aspettative su questo romanzo, perché nel primo capitolo della serie; “Complice la neve” (Click sulla mia recensione) non  avevo trovato la Armentrout che mi ha fatto innamorare tanti anni fa con “Obsidian”, ma mi era parsa un’Armentrout con uno stile più giovane ed immaturo, ma del resto era un romanzo scritto nel lontano 2013 e ad oggi ha avuto modo di migliorare e diventare quella che tutti noi amiamo e conosciamo. Tuttavia credevo che anche “Amarti è solo l’inizio” fosse un po’ acerbo, se poi consideriamo che io preferisco questa autrice in veste fantasy, ecco che le mie aspettative non erano alle stelle, ma mi sono bastate una manciata di pagine per essere totalmente conquistata. Era dai tempi della serie Wait for me che questa autrice non mi prendeva così tanto con un new adutl e sono stata davvero felice di ritrovare la vecchia Armentrout che mi ha sempre fatto impazzire. 

lunedì 25 maggio 2020

RECENSIONE: HATE THAT I LOVE YOU - DEBORA C. TEPES


Titolo: Hate that i love you

Autrice: Debora C. Tepes

Casa Editrice: Self-publishing

Data di pubblicazioni:

Pagine:

TRAMA:
 Houston, Texas. Stafford High School.
Max Rivera, giovane promessa dell’atletica leggera, non ha mai sopportato Brandon Walker, il quarterback più affascinante della scuola, e avrebbe volentieri continuato a ignorarlo se non fosse che sua cugina Sofia, con la quale condivide gran parte della sua vita, ha deciso di fidanzarsi proprio con lui.
Max conosce i tipi come Walker e sa perfettamente che farà soffrire Sofia, rovinandole proprio l’ultimo anno di liceo, quello che per tutti dovrebbe essere memorabile.
Così, con l’aiuto del suo migliore amico Brett, decide di ordire una strategia per allontanare una volta per tutte Brandon e Sofia. La vita, però, sembra avere un piano tutto suo col quale Max dovrà scendere a patti...

Brandon Walker è tra i ragazzi più desiderati della scuola, ma ha un lato oscuro che non tutti sono in grado di intuire. Max, però, non è come gli altri.
Lei ha provato sulla sua pelle il calore bruciante dell’oscurità che si addensa nell’animo di Brandon, ed è per questo che non riesce a provare altro che odio e rancore, nei suoi confronti.
Tra durissimi allenamenti sotto il sole cocente del Texas e sguardi di fuoco lanciati nei corridoi della scuola, Max e Brandon continuano a incrociarsi e a perdersi, a insultarsi e a ferirsi con tutte le armi a loro disposizione, finché la vita non li porrà di fronte alla scelta più dura: perdonare o vendicarsi.
Lasciarsi andare alle spire travolgenti della passione o lottare con tutte le proprie forze per continuare a nascondersi dietro lo scudo dell’odio.

 
Cosa penso:

l’amore non è paziente, è come un temporale che squarcia il cielo all’improvviso, mentre credevi che sarebbe stata una giornata di sole. Arriva prepotente a sconvolgerti la vita, tutti i tuoi piani, i tuoi sentimenti. Non è gentile, non vuole ascoltare alcuna ragione, ti afferra e ti scuote per le spalle, mettendo a soqquadro tutto il tuo mondo apparentemente felice. Perché l’amore è come il più potente degli avversari, lo sfidi, ma sai già di aver perso in partenza. E io ho perso di nuovo. 
Era da tanto tempo che non leggevo un libro di Deborah C. Tepes, con questo ho letto solo tre dei suoi scritti e non perché non l’apprezzi come autrice, ma piuttosto perché ha sempre scritto dei generi per cui io non impazzisco, ma ora che finalmente ha scritto un new adult e per di più un hate to lover – uno dei miei sotto generi preferiti del romance - non potevo proprio farmelo sfuggire e così l’ho acquistato appena uscito e non solo non mi ha affatto delusa, ma l’ho proprio adorata! 
In “Hate that i love you” la Tepes ci racconta, attraverso il pov alternato dei due protagonisti, la storia di Barndon Walker e Max Rivera, quarterback super sexy lui e promessa dell’atletica leggera lei. Frequentano entrambi lo stesso liceo e non si sopportano, ma da quando Brandon ha iniziato ad uscire con Sofia – la cugina e migliora amica di Max, lei è costretta a tollerarlo o almeno a provarci, ma è difficile perché WalkerStronzo – come è solita soprannominarlo lei – le riserva il suo lato peggiore; la offende, la insulta e se le riserva un trattamento davvero terribile e Max lo odia. Lo detesta come non ha mai odiato nessuno in vita sua e sa bene che spezzerà il cuore di sua cugina e per questo, con l’aiuto del suo migliore amico, escogita un piano per farli lasciare. Un piano che, però, le si rivolta contro portando a galla alcune verità celate da tempo, che hanno fatto soffrire entrambi i protagonisti. 
E ora Max e Brandon devono scegliere tra odio e amore. 

martedì 19 maggio 2020

RECENSIONE: INSEGUENDO LE NUVOLE - KATHRYN ANDREWS

Titolo: Inseguendo le nuvole

Autrice: K. Andrews

Casa Editrice: Self-publishing

Data di pubblicazioni:

Pagine:

TRAMA:
Reid Jackson
Sono un ragazzo semplice. Ci sono solo due cose che amo: la mia famiglia e giocare a football.Forse non capisco perché le persone si sposino, ma farei qualsiasi cosa per mio fratello, anche andare al matrimonio della sua amica Camille. Una volta lì, mi rendo conto che crescere nel Bronx mi ha lasciato impreparato ad affrontare una facoltosa famiglia del Sud. Nell'arco di ventiquattro ore, assisto a scandali, minacce e bugie. È una vita con cui non mi identifico, un posto a cui non vorrei mai appartenere. Nonostante ciò, quando il ministro di culto chiede se qualcuno ha qualcosa da obiettare, sorprendo non solo me stesso ma anche la bellissima sposa alzandomi in piedi e dicendo, “Mi oppongo”. Non la conosco, lei non conosce me, ma nel profondo so di dover fare quel passo.

Camille Whitley
In qualità di figlia di un politico del Sud, niente nella mia vita è semplice.Sono anni che so che un giorno sarei andata all'altare per sposare un uomo che non amo. A Savannah, le aspettative familiari e le apparenze sono tutto, ma niente di questo è reale. Odio quello che sono diventata e sogno di essere libera. Perciò, quando improvvisamente si presenta un'opportunità sotto forma di uno sconosciuto con accattivanti occhi verdi, mi ritrovo a chiedermi cos'è meglio per me: il piano prestabilito o l'ignoto? Non lo conosco, lui non conosce me, ma se ho intenzione di fare un passo, è ora o mai più.

Cosa penso:

Inseguendo le nuvole” di K. Andrews è un romanzo arrivato in Italia da pochissimo, grazie all’aiuto della bravissima Paola Ciccarelli, traduttrice che ci ha permesso di leggerle e conoscere autrici straniere, come per esempio A.L Jackson, che hanno scelto la strada dell’auto-pubblicazione, una scelta che apprezzo sempre tantissimo, soprattutto se i romanzi sono tradotti ed editati per bene come in questo caso. 
Il romanzo della Andrews è una storia deliziosa che vi trascinerà in un mondo emozionante da quale farete fatica a staccarvi, vi do la mia parola. 
Ho passato diverse ore in compagna di questa storia e sono state intense e stupende, infatti è difficile parlavi di “Inseguendo le nuvole”, prima di tutto perché il rischio di spoiler è molto alto e non vorrei mai rovinarvi a lettura, ma anche perché temo di sminuire la lettura con questa recensione e, forse, in questo caso l’ideale sarebbe non parlarvi affatto di questa storia e dirvi semplicemente: “leggete il libro, lo amerete!”, ma la verità è che mi è piaciuto talmente tanto che il bisogno di parlarvene mi fa bruciare le dita, che sentono il bisogno di digitare parole sulla tastiera del mio Mac.  

lunedì 11 maggio 2020

RECENSIONE: GIOCO D'AMORE - VERONICA SCALMAZZI


Titolo: Gioco d’amore

Autrice: Veronica Scalmazzi

Casa editrice: Slef Publishing

Data di pubblicazione: 29/04/2020

Pagine: 300 

TRAMA:
Mi chiamo Piper Morris e sono la classica matricola secchiona e sfigata, o almeno è così che mi definiscono la maggior parte degli studenti dell'Università della California.
In realtà, dietro ai miei occhiali da nerd e all'aspetto un po' scialbo, si nasconde una ragazza sicura di sé, senza peli sulla lingua e con la battuta sempre pronta. Crescere con quattro fratelli maschi ha avuto i suoi vantaggi, ve lo posso assicurare.
Amo il calcio e fare shopping da Victoria's Secret, mentre detesto stare al centro dell'attenzione e... il capitano della squadra di calcio dei Tigers: Kade Evans.
Kade Evans potrebbe, a tutti gli effetti, incarnare uno dei protagonisti maschili degli sport romance che amo tanto leggere. Anche se nessuno potrà mai eguagliare il mio Jimmy, sia chiaro.
Evans è un cliché vivente: sexy da morire, atletico, spiritoso e... pervertito.
Un pervertito dotato di una zucchina XXL.
Sì, avete capito bene!
Come faccio a saperlo?
L'ho visto con i miei stessi occhi!
Completamente nudo!
E lui non ha fatto nulla per coprirsi, anzi... mi ha provocato con quel suo dannatissimo sorriso strappa mutandine!
Ma volete sapere qual è la cosa peggiore?
Lui non è come tutti gli altri.
Lui mi vede davvero.
Mi chiamo Piper Morris e ho un grosso, anzi, un grossissimo problema: Kade Evans mi vuole.
Sono il suo Mondiale, il suo goal al 90' minuto.
Ma io non ho nessuna intenzione di rendergli le cose facili, tutt'altro.
A noi due, Evans!
Che la partita abbia inizio.
 

 Cosa Penso: 

La vera bellezza è un sorriso che arriva agli occhi, uno sguardo da capogiro, mani che ti accarezzano con dolcezza. La vera bellezza è la semplicità di un’anima vera che non ha bisogno di nascondersi dietro a una maschera per piacere agli altri.
Veronica Scalmazzi è un nome molto noto e molto amato nel panorama del romance italiano, devo confessare che io non ne ho letti tanti dei suoi romanzi, solo tre con questo, ma quelli che ho letto mi sono piaciuti tantissimo e, infatti, ho tutte le intenzioni di recuperare al più presto tutti i suoi scritti. 
Qualche giorno fa su instagram mi sono imbattuta nella foto della cover dell’ultimo romanzo scritto da lei – “Gioco d’amore” – mi è bastato dare uno sguardo alla cover e al titolo per farmi correre su amazon e scaricarlo. So bene che un libro non si giudica sulla base della copertina o dal titolo, ma io agli sport romance non so proprio resistere e mi basta un singolo sguardo per convincermi ad acquistarli, e anche questa volta è andata proprio così. Certo, spesso rimango delusa, ma non questa volta perché l’autrice mi ha decisamente conquistata. 

venerdì 8 maggio 2020

COVER REVEAL: SOLO PER ME - MARIALUISA GINGILLI



Buon pomeriggio meravigliosi lettori,
oggi sono qui un cover reveal di un romanzo che sembra essere davvero interessante.
Vi lascio qui sotto tutti i dettagli!!!  



Titolo: Solo per me 
Serie: Under the Irish sky #2
Autrice: Marialuisa Gingilli
Casa editrice: Dark Zone
Genere: Contemporary romance
Formato: Cartaceo, Ebook
TRAMA:
Un passato doloroso e fatto di rinunce, e la voglia di inseguire i propri sogni, spingeranno Margherita, ventiquattrenne romana, a lasciare la Capitale per trasferirsi a Galway, assieme al suo fidanzato Alessandro.
Tra le suggestive Cliffs of Moher, il Carrick-a-rede Bridge e il maestoso Giant’s Causeway, Margherita proverà a ridisegnare la sua vita sotto al cielo d’Irlanda.
Quella stessa vita, però, le ricorderà presto che dal passato non si può semplicemente scappare e che per crescere certi dolori vanno guardati dritti in faccia.
L’incontro con Joshua, il cugino irlandese della sua amica Susanna, poi, la porrà di fronte a una scelta importante: rimanere nella sua amata comfort-zone o seguire il proprio cuore?
Un viaggio, quello di Margherita, alla scoperta della meravigliosa terra d’Irlanda e della parte più profonda di sé.

Per oggi a tutto, vi auguro un buon fine settimane, dove mi raccomando STATE IN CASA leggendo un bel libro. 

giovedì 7 maggio 2020

RECENSIONE DURO COME IL GHIACCIO - R.C. STEPHENS


Titolo: duro come il ghiaccio 

Serie Big stick#1 

Autrice: R. C. Stephens 

Data di pubblicazione: 02/05/2020 

Pagine: 

TRAMA:

L’hockey è la mia vita, una grande parte della mia vita. C’è una fila infinita di donne fuori dalla mia porta e ho la fortuna di giocare in squadra assieme al mio migliore amico di sempre, Oli. Tutto è perfetto… fino a quando non rivedo lei. La sorella gemella di Oli, Flynn, che… non può vedermi. E non la biasimo: le riporto alla memoria la peggiore notte della sua vita.

Ora che è la mia vicina di casa, vederla ogni giorno mi uccide lentamente. Mi chiedo se potremo mai tornare amici. Il modo in cui mi guarda a volte, beh… diciamo che, quando succede, il mio bastone da hockey non è l’unica cosa dura.

Però, se scoprisse il mio segreto, il perdono sarebbe di sicuro l’ultima cosa a cui penserebbe.
 

Cosa Penso:


Duro come il ghiaccio” è il primo capitolo stand alone della serie Big Stick di R. C. Stephens e nonostante il titolo posso trarre in inganno e far pensare ad uno scadente romanzetto erotico, in realtà quella che ci racconta l’autrice tra queste pagine  non è una storia tutta sesso e niente sostanza, ma è un delizioso sport romance che ci parla di seconde occasioni.  

L'autrice ci narra la storia dei due gemelli – Oli e Flynn – e del loro migliore amico Myles. I tre ragazzi sono cresciuti insieme e per tutta la loro infanzia sono stati inseparabili, soprattutto Myles e Flynn hanno sempre avuto un legame speciale, ma ad un certo punto quel legame si è spezzato e le loro strade si sono separate. Oggi sono passati sette anni da allora, Oli e Myles sono diventati due campioni di Hockey, giocano entrambi i Blackhawks di Chicago,  e Myles non ha più avuto alcun contatto con la sua migliore amica di infanzia e gemella del suo compagno di squadra. Ma nonostante questa la sua più vecchia amica, Flynn, conserva nel cuore del campione un posticino speciale.
Tutto è destinato a cambiare quando Flynn viene tradita dal suo fidanzato con cui conviveva e non ha più una casa dove stare ed è così costretta  a trasferirsi a casa di suoi fratello che è a solo un pianerottolo di distanza da Myles. Basta un singolo sguardo tra i due ragazzi per far tornare a galla tutti i sentimenti di un tempo.
Myles&Flynn.
Flynn&Myles.
Si piacciono.
Si attraggono.
Si stuzzicano.
Ma stare insieme non è così semplice, ma al contrario è difficile e complicato anche perchè Myles cela dei segreti che se svelati distruggerebbero definitivamente il suo rapporto con Flynn, ma sa bene che se vuole costruire qualcosa con lei devono per forza essere confessati.

venerdì 1 maggio 2020

SUMMARY MONTH - RECAP LETTURE DI APRILE 2020



Buongiorno adorabili lettori,
come state? Spero tutti bene, purtroppo in questo periodo non è così scontato stare bene e speriamo di uscire presto da questa situazione e che la fase 2, che dovrebbe partire lunedì, non ci metta ancra più in difficoltà... onestamente a me fa molta paura quindi incrocio e le dita e me ne sto a casa ancora un pò, lavorando in smart working.
Ora però. abbandoniamo i discorsi seri e parliamo di cose un pò più frivole... le letture del mese. Da metà gennaio ho avuto un grosso blocco del lettore, che è durato fino a marzo, per questo la mia rubrica di riepilogo mensile ha saltato alcune tappe, ma questo mese mi sono rimessa in carreggiata e quindi eccomi qui... non ho letto tanto quanto avrei voluto, ma mi posso dichiarare abbastanza soddisfatta.

STO LEGGENDO:
"Gioco d'amore" di Veronica Scalmazzi, l'ho iniziato ieri sera tardi, ero cotta e sono crollato dopo una manciata di capitolo, ma mi sta piacendo da matti e non vedo l'ora di buttarmi sul divano a leggere. 

giovedì 30 aprile 2020

REVIEW TOUR: SWEET LOVE - F. ALESSI&A. MARINO





Titolo: Sweet Love
Serie: Book#2
Autrici: A. Marino F. Alessi 
Casa Editrice: Self-Publishing
Data di pubblicazione: 28/04/2020 
Pagine:
TRAMA: 
Mentivo. Lo avevo sempre fatto. Ero un bugiardo.
Logan Storm ha un fondo fiduciario infinito, viaggia spesso per lavoro e potrebbe avere ogni notte
una donna diversa a scaldargli il letto. Sembra perfetto, non è vero? Lo sarebbe, se indossare un
completo ogni giorno, tornare in una casa silenziosa e vuota e non provare nulla per nessuna delle
sue conquiste lo rendesse felice.
Faith Goulding è al suo ultimo anno di università, lavora in un minimarket ed è sfacciata e
soprattutto conosce molto bene Logan da un anno. O almeno, conosce ogni suo bisogno e capacità
sotto le lenzuola.
Logan e Faith sono amici di letto. Niente sentimenti. Niente drammi. Puro divertimento. Ma
cos’accadrebbe se il cuore di uno di loro finisse con lo scaldarsi ogni volta che si trova in presenza
dell’altro? Se quel sentimento che tanto sperano di non incrociare mai si insinuasse tra loro, di
soppiatto? Saranno in grado di gestirlo? Si batteranno o scapperanno prima che sia troppo tardi?

Cosa penso:

Sweet Love” di Federica Alessi e Adelia Marino da dipendenza. 
I sintomi sono: incapacità di staccarsi dal kindle per ore, aritmia – perché il cuore perderà numerosi battiti nelle scene più dolci, brividi e senso di calore negli attimi più bollenti. Infine un forte senso di angoscia, perché a lettura terminata ne vorrete ancora e vorrete disperarvi perché, anche se le due autrici sono due fulmini a scrivere, voi non vorrete rassegnarvi al fatto che qualche mese lo dovrete aspettare per poter leggere il terzo capitolo. Quindi la sola cosa che potete fare è godervi al massimo questo romanzo e innamorarvi perdutamente del protagonista maschile, perché vi garantisco che Logan Storm vi farà perdere la testa. 
Dopo le mie premesse posso partire con la mia recensione.
Devo ammettere che è stata una sorpresa piacevolissima quando qualche giorno fa ho trovato nella mia casella di posta elettronica una mail di Adelia Marino in cui mi presentava il suo nuovo romanzo, scritto a quattro mani con Federica Alessi. Confesso che non mi aspettavo che “Sweet love” – il secondo libro della loro serie – uscisse così presto e non ho proprio saputo resistere dal partecipare al review party in occasione dell’uscita e così eccomi qui ancora, una volta, a parlarvi di un romanzo scritto da due autrici parecchio note nel panorama del new adult italiano e che mi piacciono davvero tanto. 

mercoledì 29 aprile 2020

RECENSIONE: IL MIO RISCHIO SEI TU - ELLE KENNEDY


Titolo: Il mio rischio sei tu

Serie: Briar U#2

Autrice: Elle Kennedy

Casa Editrice: Newton Compton

Data di pubblicazione : aprile 2020

Pagine: 384

TRAMA:

Brenna ha bisogno dell’aiuto di Jake per ottenere un tirocinio, ma lui è l’ultimo ragazzo al mondo che dovrebbe frequentare
Non sono mai stata una brava ragazza. Non mi lascio frenare da qualche stupida regola e non ho paura di ciò che la gente pensa di me. Questo non vuol dire che non abbia un mio personalissimo codice di condotta. Come ad esempio non tradire la fiducia di mio padre. Sarebbe un grosso scandalo se la figlia del coach della squadra universitaria cominciasse a frequentare un giocatore del college rivale... Jake Connelly è la personificazione del mio suicidio sociale: una star dell’hockey arrogante quanto insopportabile, affascinante in modo ridicolo. Il suo talento ha messo più volte la squadra di mio padre in difficoltà. E allora perché perdo tempo con lui? Perché Jake è la chiave per un tirocinio da sogno, anche se fa di tutto per rendermi le cose difficili. Ho bisogno che finga di essere il mio fidanzato. Ma per ogni finto appuntamento, pretende che gliene conceda uno vero. Questo significa che sono in guai molto seri.

Cosa Penso: 

Ho terminato “Il mio rischio sei tu” secondo romanzo stand alone della serie Briar U di Elle Kennedy, da pochissimi minuti e sono già qui; seduta sul letto con il mac sulle ginocchia, pronta per scrivere il mio pensiero su una lettura che mi ha tenuta sveglia la notte e che ho amato follemente. Chiedo scusa quindi se  questa mia recensione sarà uno sconclusionato, poco chiaro e un concentrato delirante di parole apparentemente senza senso, partorite dalla mente di una fangirl sfegatata. So che dovrei darmi il tempo per metabolizzare le emozioni prima di scrivere una recensione, me lo riprometto tutte le volte, ma con alcuni romanzi  il desiderio di mettere il mio pensiero nero su bianco è incontrollabile, e questo è uno di quei casi.
Elle kennedy, come molti di voi sapranno, è una delle mie autrici preferite, mi ha conquistato molto tempo con “Il contratto” (click sul titolo per la mia recensione) e da allora è diventata la mia spacciatrice preferite di new adult sport romance. Attendo sempre pazientemente l’uscita dei suoi libri e quando arrivano, li acquisto alla cieca senza leggere la trama e ogni volta la amo per la storia che ci ha donato, e questo vale sia per lei in solitaria, che quando scrive a quattro mani con altre autrici.

Con “Il mio rischio dei tu” torniamo alla Briar University e questa volta possiamo conoscere meglio Brenna Jensen, la figlia del Coah Jensen – l’allenatore di hockey della squadra del campus. Tra queste pagine vediamo Brenna perdere la testa per un giocatore, e non per uno dei ragazzi di suo padre, ma uno dei rivali più temuti: Jake Connelly – capitano della squadra di Harvard e promessa del hockey agonistico. 
E questo è un bel casino, perché Brenna non può assolutamente perdere la testa per un rivale, se la notizia trapelasse sarebbe un autentico scandalo, senza contare il rapporto con suo padre, che è già precario e turbolento e subirebbe un ulteriore scossone. 

giovedì 23 aprile 2020

COVER REVEAL: SWEETLOVE - A.MARINO&F.ALESSI




Buongiorno meraviglie, 
come va? la mia quarantena procede tra lavoro, noia infinita e letture che grazie al cielo allietano le mie giornate. E a-proposito di letture interessanti oggi sono qui con un Cover Reveal di un romanzo che stavo aspettando di due autrici italiani che mi piacciono molto... se siete curiosi... continuate a leggere il posto....

lunedì 20 aprile 2020

RECENSIONE: WILD COLLISION - MICALEA SMELTZER


Titolo: Wild Collison

Serie: The Wild #1

Autrice: Micalea Smeltzer

Casa editrice: Triskell Edizioni

Data di pubblicazione: 11/04/2020

Pagine: 354

TRAMA:
Hollis Wilder, frontman dell’emergente band The Wild ama la vita al limite. Quando il suo gruppo riesce a stringere un prestigioso accordo col mitico Joshua Hayes, membro dei famosissimi Willow Creek, sembra proprio che tutto stia andando per il verso giusto. Solo che a quanto pare Hayes ha regole per ogni cosa, e a Hollis le regole non piacciono proprio. Soprattutto la prima:
Stare lontano dalla figlia di Hayes.
Mia Hayes desidera una cosa soltanto, diplomarsi e lavorare nell’industria della musica a fianco di suo padre. Non ha tempo per le complicazioni, specialmente quando queste si chiamano Hollis Wilder, una star emergente che può portarle solo guai, e che dovrà imparare a tenere a distanza.
Cosa non facile quando per Hollis, invece, tra loro si è creata subito un forte chimica, una connessione che neppure si era mai reso conto di cercare.
Come far capire a Mia che tra loro ne vale la pena?

Cosa Penso: 

Ci sono quei libri che ti incollano al tuo lettore E-book, libri che adori all’istante e che non vorresti finissero mai, perché adori i personaggi che abitano quelle pagine e leggeresti su di loro ancora e ancora, e ancora. Ecco “Wild Collision” – primo capitolo della serie The Wild – di Micalea Smeltzer è stata una di quelle letture e non me lo aspettavo proprio per niente quando l’ho iniziato. Non me lo aspettavo perché è stata una lettura che ho cominciato alla cieca, senza informarmi troppo sulla storia e, inoltre, perché avevo già letto un romanzo di questa autrice e per quanto la storia non mi fosse dispiaciuta, non mi aveva nemmeno emozionata così tanto e mi aspettavo che con “Wild Collision” sarebbe stata la stessa cosa. Mi aspettavo un romanzetto carino, di quelli che ti tengono compagnia alcune ore e che non ti fanno vivere troppe emozioni, ma quanto mi sono sbagliata, perché il primo romanzo della serie The Wild mi ha incatenato al mio kindle per ore intere e mi ha costretto a passare una notte insonne… sì ok che siamo in quarantena e che non si può uscire di casa, ma devo lavorare di mattina e anche se lo faccio da casa, in smart working, e nessuno può vedere le mie occhiaie, vi assicuro che è stato davvero faticoso non addormentarmi davanti allo schermo del computer durante le conference call con le colleghe. Comunque nonostante la notte insonne, le occhiaie profonde e il rischio pisolino davanti al pc ne è davvero valsa la pena, perché questa lettura mi ha stregata, completamente incantata a ed inesorabilmente conquistata. 

venerdì 17 aprile 2020

RECENSIONE: UN'ESTATE AL MARE - MARTINA PIRONE


Titolo: Un'estate al mare

Autrice: Martina Pirrone

Casa Editrice: Self Publishing

Data di pubblicazione: 23/07/2019

Pagine: 206

TRAMA:
Ture e Arianna si conoscono sin da bambini e, da sempre, vanno d'accordo come cane e gatto.
Hanno ventotto anni, quando, per diversi motivi, si ritrovano costretti a collaborare fianco a fianco, per tutta l'estate, nel Lido Enea, lo stabilimento balneare che li ha visti crescere e azzuffarsi nel corso degli anni.
Riusciranno i due a superare vecchi diverbi e a collaborare come dei veri professionisti?
Una festa sulla spiaggia potrà cambiare definitivamente il loro rapporto?


Cosa Penso:

Ho scoperto  Un'estate al mare”di Martina Pirone per puro caso su amazon, mentre ero alla disperata ricerca di un romanzo che mi tenesse compagnia in queste noiose, interminabili e tutte uguali giornate di quarantena e mi sono imbattuta in questa storia dal profumo di estate, salsedine e sole e attratta dalla storia hate to love non ho proprio saputo resistere e devo ammettere che quella che si trova tra queste pagine è una di quelle storie deliziose che mi ha regalato attimi di dolce svago. 

Protagonisti a pov alterni sono Arianna Greco e Salvatore – Ture – Marino. 
Ari e Ture si conoscono da quando sono bambini, lei vive a Roma con i genitori che si sono trasferiti nella capitale per lavoro, lui invece in un piccolo paesino della Sicilia. Ed è proprio in Sicilia che questo racconto è ambientato, per l’esattezza a Giardini Naxos, un piccolo paesino dove Ari, fin da quando è bambina, passa tutte le sue estati circondata da parenti e amici. Ma non tutti le sono simpatici, infatti con Ture non va affatto d’accordo, ma al contrario sono come cane e gatto: hanno sempre litigato di continuo, discusso per ogni più piccola stupidata e si sono sempre sfidati cacciandosi in grossissimi guai. Ora però, Arianna e Salvatore, non sono più dei bambini,  di anni ne hanno 28 e continuano a non andare d’accordo.
«Giusto. Tu sei Arianna, Arianna la ‘frigida’, Arianna che non balla, Arianna che non ride, Arianna che non scopa. Arianna che beve e che giudica gli altri dall’alto del suo piedistallo», dico tutto d’un fiato.
Ancora una volta, si ritrovano a passare l’estate insieme e per giunta obbligati a lavorare fianco a fianco per due interi mesi. Devono riuscire a deporre l’ascia guerra e andare d’accordo per una volta, ma cosa accadrebbe se oggi che sono adulti quei vecchi sentimenti che hanno sempre provato l’uno per l’altra si trasformassero in qualcosa di completamente diverso dal disprezzo? Sicuramente avrebbe vita una splendida storia romantica, che se siete curiosi di scoprire dovete assolutamente leggere.

Un'estate al mare” è stata davvero una piacevolissima lettura che mi ha fatto scoprire una nuova autrice che non conoscevo, e di cui sicuramente leggerò altri libri. Lo stile di scrittura di Martina Pirone mi è piaciuto molto per la sua semplicità, per la sua scorrevolezza e per i dialoghi brillanti che risultano estremamente intriganti e divertenti. 
È stato bello conoscere i personaggi nati dalla penna dell’autrice, Arianna e Ture, e vedere come il loro rapporto si evolve e cambia nel tempo. Ho adorato assistere ai loro teatrini litigiosi, che non sono altro che un bollentissimo preliminare, infatti è semplicemente impossibile non fare il tifo per loro fin dal primissimo istante.

Ogni giorno, da quando sono qui, attraverso di lui scopro un aspetto di me che avevo dimenticato, sepolto da qualche parte. Ogni giorno, da quando sono qui, scopro un nuovo Salvatore. Di quel ragazzino bruttino, impertinente e dispettoso è rimasto solo il ricordo sbiadito dal tempo.
Arianna Greco è una protagonista femminile forte ed indipendente. È una donna con la D maiuscola che se la cava bene in qualsiasi situazione. È appena uscita da una relazione amorosa complicata e passare l’estate in Sicilia, lontana dalla sua casa e dal suo lavoro, è un modo per ricaricare le batterie e staccare la spina da una routine che era diventata asfissiante. 
In Sicilia deve svolgere un lavoretto che le è stato assegnato da suo padre ed è felice di poter dare una mano ai suoi genitori, quello che però non si aspetta è di dover lavorare a stretto contatto con Salvatore Marino, che è il suo più grande incubo. 

martedì 14 aprile 2020

RECENSIONE: LA PARTITA PERFETTA - J. STERLING

Titolo: La partita perfetta

serie: The Perfect Game#1

Autrice: J. Sterling

casa Editrice: Quixote

Data di pubblicazione: 25/03/2020

Pagine: 311 

TRAMA:
La partita perfetta racconta la storia degli universitari Cassie Andrews e Jack Carter. Quando Cassie incontra Jack, giovane promessa del baseball, è decisa a stare alla larga da lui e dal suo tipico atteggiamento arrogante. Ma Jack ha altro in mente… ossia attirare a tutti i costi l’attenzione di Cassie.
Sono entrambi feriti, pieni di diffidenza e sfiducia, ma riusciranno a ritrovarsi l’un l’altro (e a ritrovare loro stessi) durante questo viaggio emozionante sull’amore e sul perdono.
Allacciate le cinture e preparatevi a farvi spezzare il cuore e a farvelo rimettere insieme.

Cosa Penso:


La partita perfetta” di J. Sterling è il primo capitolo della serie The Perfect Game pubblicato qualche settimana fa da Quixote edizioni e per me è stata una delusione su più fronti. Un vero peccato perché stando alla trama e alle recensioni trovate sul web era proprio il tipo di storia che di solito amo alla follia perché apparentemente aveva al suo interno tutte quelle caratteristiche che di solito mi conquistano senza appello. Come per esempio:
-               Genere New Adult – chi mi conosce sa bene quanto poco so resistere a questo genere
-               Ambientazione collegiale – la mia ossessione nei romanzi
-               Sport romance – uno dei miei generi preferiti in assoluto
-               Un lui cazzone – ovvero il tipo di maschio di carta che mi fa innamorare ogni volta
Ma nonostante tute queste caratteristiche con “La partita perfetta” non è scattata la scintilla, perché purtroppo la Sterling con questa storia non mi ha fatto provare assolutamente nulla, solo un briciolo di irritazione per aver speso 4 euro per una storia orribilmente noiosa e terribilmente surreale.

Narratori a pov alterni sono i due protagonisti, Jack Carter e Cassie Andrews. 
Jack corrisponde al più tipico cliché maschile da romanzo rosa, e giuro che non lo dico con tono negativo, perché io generalmente amo follemente i personaggi come lui. Sportivo, donnaiolo e un autentico cazzone. Lei invece è la più classica delle brava ragazza, quella che non vuole guai e che vuole solo studiare fotografia. 
Cassie e Jack si conoscono ad una festa, dove lui rimane affascinato dalla bella ragazza appena trasferita al campus e, sentendo odore di carne fresca, ci prova all’istante ma non ha considerato che Cassie non è come le altre ragazze: lei non è la classica gatta morta a cui lui è abituato, ma al contrario lei è quella che gli risponde per le rime e tiene testa alle sue stupide battute da rimorchio, è quella che non lo tratta come una sorta di divinità solo perché è il miglior lanciatore di baseball del campus e, soprattutto, è la sola che lo fa penare e non accetta subito di uscire con lui. Insomma, Cassie è diversa dalle altre, rappresenta la sfida da vincere e la ragazza che una volta trovata non si lascia per niente al mondo ed è un autentica ventata d’aria fresca per Jack Carter, che farà di tutto per conquistarla. 
Peccato, però, che la fase del corteggiamento duri poco e che subito dopo abbiano inizio una serie di assurdità che rendono, quella che potrebbe essere una storia carina anche se banale, una storia banale e con una serie di eventi talmente assurdi e irreali che di veritiero hanno ben poco.